"Cunicio" alla birra

Blog

24 Jan | Ricette antoniane

"Cunicio" alla birra

public://Ricetta_coniglio_alla_birra_borgo della_paglia.jpg

Tra le aziende a partecipare al primo contest tra Food Blogger italiane c'eravamo anche noi di Birra Antoniana.

Alle partecipanti è stata consegnata un mistery box contenente diversi prodotti di varie aziende venete, con lo scopo di creare una certa complicità tra i piatti della  tradizione veneta e il resto d'Italia. 

 

Per questa ricetta, Donatella de il blog "L'ingrediente Perduto" ha rivisitato una ricetta tipicamente marchigiana, con il tocco speciale di Birra Antoniana Borgo della Paglia "che con il suo retrogusto di "paglia" ben si sposa con la carne di coniglio. In questo caso rappresenta la componente acida della marinatura, oltre alla funzione di ammorbidire e insaporire la carne essendo ricca di zuccheri predispone alla formazione di quelle sostanze chimiche saporite e gustose che rendono il piatto appetitoso, o meglio conosciuta come il risultato della  reazione di Maillard" citando le testuali parole della food blogger. 

 

Ingredienti

Per la marinatura cruda ( lasciare la carne a marinare per 2 ore)

  • 1 coniglio disossato del peso di circa 1,2 kg
  • birra 500 ml
  • olio extra vergine di oliva 2 cucchiai
  • aglio
  • cipolla, alloro, lime, finocchio selvatico.

 

Procedimento

Una volta terminata la marinatura, togli la carne ed asciugala. Poi, inizia a farcire dapprima distribuendo le interiora del coniglio (fegato, cuore e polmoni tritati finemente e insaporiti in padella con olio  e birra), poi il finocchio selvatico (1 mazzetto), il prosciutto cotto tagliato spesso (150g) e il radicchio grigliato (225gr). Avvolgi e lega con uno spago da cucina, fino ad ottenere un rotolo. 

Ora, preriscalda il forno a 180° ungi il rotolo e riponilo in una teglia oliata e aromatizzata. Porta a cottura per un'ora e mezza (le tempistiche poi dipenderanno dal peso del coniglio). Una volta pronto, rosolarlo in una padella e alla fine, sfumare con la birra. 

 

Grazie a Donatella per la ricetta! Qui la trovi nella versione originale

 

Entra nel mondo di Birra Antoniana: iscriviti alla nostra newsletter