Le prime novità del 2013

Blog

8 Jan | Ci presentiamo

Le prime novità del 2013

public://IMG_1701-300x225_0.jpg

Farà girare un po’ di Birra Antoniana.

La capacità oraria con acqua, come da test eseguiti proprio in questi giorni, arriva a 40-50hl/h. Con la birra da chiarificare, invece, arriveremo ai 15-20hl/h in funzione anche della quantità di lievito presente nella birra dopo la maturazione.

Lo scopo della centrifuga o “separatore centrifugo” è, appunto, quello di chiarificare la birra, eliminando dalla stessa il lievito presente.

La macchina gira alla velocità di circa 9600 giri al minuto, la birra fluisce nel tamburo attraverso un tubo di alimentazione e nel distributore subisce una accelerazione fino a raggiungere la velocità del tamburo (9600 giri/m) Da qui viene convogliata alla colonna dischi dove avviene la chiarificazione. La birra  chiarificata risale lungo la colonna dischi fino alla camera superiore del tamburo da dove una pompa centrifuga la convoglierà sotto pressione (6 bar)  all’uscita. Un sistema di tenute meccaniche impedirà l’ossidazione del prodotto e  attraverso le specole visive sarà possibile verificare il grado di chiarificazione ed aumentare o diminuire gli scarichi a seconda del risultato che si vuole ottenere.

I solidi separati si raccolgono alla “periferia” del tamburo e da qui vengono periodicamente espulsi mediante scarichi o, nel gergo birraio,  ”spari” che possono essere impostati dall’utilizzatore in funzione della birra da lavorare e del risultato che si vuole ottenere.

Anche se tecnicamente molto semplice, la piastra che vedete in foto, una delle 6 presenti nel birrificio, è indispensabile per far circolare nelle tubazioni la birra, le soluzioni di lavaggio, l’acqua e quant’altro serve al lavoro di fabbrica, come C02, aria sterile o vapore.

Lo scopo delle piastre è di rendere più facile la distribuzione delle soluzioni o del prodotto nei diversi punti del birrificio, limitando l’utilizzo dei tubi in gomma all’indispensabile e facilitando i collegamenti per le grandi distanze.

Come si può vedere per ora le varie tubazioni sono ancora identificate “alla buona” ma a fine lavoro sarà semplice capire la destinazione di ogni tubo presente con l’applicazione di apposite etichette sulle tubazioni e sulle valvole della piastra.

Luciano Masocco

Birraio maltatore

Entra nel mondo di Birra Antoniana: iscriviti alla nostra newsletter